Star Wars LGBT+: tutti i personaggi canonici

Fin dalla sua introduzione avvenuta il 25 aprile 2014, il canone di Star Wars ha posto, tra i propri obiettivi fondamentali, lo sviluppo di una narrazione il più possibile inclusiva e rappresentativa di ogni minoranza, tra cui la comunità LGBTQIA+. Per questo motivo, in occasione del pride month 2020, vi presentiamo un approfondimento dedicato alle storie di tutti personaggi LGBTQIA+ canonici.

Prima di lasciarvi all’approfondimento vero e proprio, vi proponiamo un’infografica riassuntiva che potrete scaricare in alta definizione semplicemente cliccandoci sopra!Infografica LGBT

Landonis Balthazar Calrissian

Nato su Socorro attorno al 43 BBY, Landonis Balthazar Calrissian, meglio noto come Lando, passò gran parte della propria vita svolgendo le attività di contrabbandiere e baro professionista. Durante i primi anni di vita criminosa, Lando fu inizialmente coadiuvato dal droide con programmazione femminile L3-37, di cui presumibilmente s’innamorò e con cui, forse, intrattenne una relazione “carnale”. Nel 10 BBY, tuttavia, L3-37 subì danni fatali durante una missione su Kessel; ulteriori complicazioni durante la fuga dal pianeta lo costrinsero inoltre a installare i circuiti di memoria del droide all’interno del Millennium Falcon, causando la definitiva scomparsa della personalità di L3-37. Durante la Guerra Civile Galattica, si distinse per il furto dell’Imperialis, panfilo personale dell’Imperatore Palpatine; divenne poi barone amministratore di Cloud City e, infine, prestò servizio tra le fila della Ribellione, contribuendo a operazioni militari quali la battaglia di Taanab, la battaglia di Endor e la liberazione di Cloud City. A seguito della dissoluzione dell’Impero, Lando optò per una vita più tranquilla ed espresse il desiderio di formare una famiglia, sposando una donna tutt’ora sconosciuta e concependo con quest’ultima una figlia; la bambina, tuttavia, fu rapita a soli due anni per essere reclutata tra le truppe del nascente Primo Ordine. Dopo lunghi anni trascorsi come eremita su Pasaana, nel 35 ABY Lando decise di scendere nuovamente in campo insieme alle forze della Resistenza, reclutando e guidando una flotta di oltre 16.000 navi durante la battaglia di Exegol.
Benché il personaggio non lo abbia mai dichiarato esplicitamente e benché l’attrazione nei confronti di L3-37 sia solo presunta, Lando è pansessuale, come affermato dal co-sceneggiatore di Solo Jon Kasdan. È interessante notare come, in un universo narrativo che prevede l’esistenza d’innumerevoli specie d’intelligenza simil-umana, il concetto di pansessualità giunga a inglobare anche il concetto tipicamente fantascientifico di xenosessualità, consistente nell’attrazione verso individui appartenenti a una specie differente dalla propria.
Landonis Balthazar Calrissian è comparso per la prima volta nel corso del film Episodio V – L’Impero Colpisce Ancora e, successivamente, dei sequel Episodio VI – Il Ritorno dello Jedi ed Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker, oltre che nello spin-off Solo; è inoltre protagonista del romanzo Last Shot.

Ziro Desilijic Tiure

Nato sul pianeta Sleheyron dagli Hutt Mama e Papa, Ziro Desilijic Tiure fu un esponente di spicco del Clan degli Hutt e zio del più famoso Jabba Desilijic Tiure. Durante le Guerre dei Cloni, Ziro strinse un patto di alleanza con il conte Dooku, aiutandolo a rapire Rotta, figlio di Jabba. Scoperto e arrestato da Padmé Amidala, venne successivamente liberato per intervento del Gran Consiglio degli Hutt, desideroso di eliminarlo a causa delle compromettenti informazioni in suo possesso riguardo ai loschi traffici del Clan. Poco dopo la sua liberazione, Ziro venne assassinato per mano della compagna Sy Snootles.
Benché a prima vista Ziro possa apparire un individuo di sesso e genere maschile e di orientamento eterosessuale, i suoi comportamenti al di fuori dello stereotipo di genere maschile hanno suscitato vari dubbi riguardo alla sua identità. Lo show-runner di The Clone Wars Dave Filoni ha poi dichiarato che la sessualità del personaggio è ambigua e lo ha identificato come primo personaggio asessuato del canone di Star Wars; l’effettiva canonicità di tali affermazioni, tuttavia, è messa in dubbio da un successivo riferimento all’ermafroditismo degli Hutt, tratto caratteristico della specie solo nell’universo narrativo Legends.
Il personaggio è comparso per la prima volta nel corso del film animato The Clone Wars e, successivamente, della serie televisiva omonima.

Chelli Lona AphraChelli Lona Aphra LGBT

Nata nel 24 BBY da Korin e Lona Aphra, Chelli Lona Aphra è un’archeologa criminale nota per il suo comportamento trasgressivo al tempo degli studi universitari, per le sue rocambolesche avventure al fianco di Darth Vader e dei droidi assassini 0-0-0, meglio noto come Triplo-Zero, e BT-1, svoltesi tra lo 0 e il 3 ABY, oltre che per le numerose relazioni sentimentali disfunzionali intrattenute nel corso della sua vita, in particolare con la contrabbandiera Sana Starros e con la disertrice imperiale e ufficiale ribelle Magna Tolvan.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme alla compagna Magna Tolvan, è protagonista della prima rappresentazione grafica di un bacio omosessuale presente nel canone di Star Wars.
Chelli Lona Aphra è comparsa per la prima volta all’interno della serie regolare Darth Vader (2015) e, successivamente, delle serie regolari Dottoressa Aphra (2016) e Doctor Aphra (2020).

Sana Starros

Proveniente dalla malfamata luna di Nar Shaddaa, Sana Starros fu una pilota e contrabbandiera attiva prima e durante la Guerra Civile Galattica, comandante della Volt Cobra. È ricordata per le numerose disavventure vissute in compagnia di Han Solo, Leia Organa, Luke Skywalker e Chelli Lona Aphra, con la quale intrattenne una relazione sentimentale disfunzionale e per la quale, successivamente, nutrì un duraturo senso di rancore e risentimento.
Il personaggio è dunque probabilmente omosessuale, benché la relazione con Chelli Lona Aphra non sia sufficiente a definire il suo esatto orientamento sessuale; è noto, in ogni caso, che tale orientamento sia di pubblico dominio.
Sana Starros è comparsa per la prima volta all’interno della serie regolare Star Wars (2015) e, successivamente, della serie regolare Dottoressa Aphra (2016) e del romanzo Last Shot.

Magna Tolvan

Dopo aver inizialmente prestato servizio come capitano, tenente e tenente-ispettore per conto delle forze armate dell’Impero Galattico e aver condotto una carriera a dir poco altalenante tra promozioni e retrocessioni, Magna Tolvan disertò e si arruolò tra le fila dell’Alleanza Ribelle. Durante le sue disavventure militari al tempo della Guerra Civile Galattica conobbe e s’innamorò di Chelli Lona Aphra, con la quale intrattenne una relazione sentimentale disfunzionale.
Il personaggio è dunque probabilmente omosessuale, benché la relazione con Chelli Lona Aphra non sia sufficiente a definire il suo esatto orientamento sessuale; non è noto, in ogni caso, se tale orientamento sia di pubblico dominio.
Magna Tolvan è comparsa per la prima e unica volta all’interno della serie regolare Dottoressa Aphra (2016).

Delian Mors

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Nata probabilmente tra il 70 e il 60 BBY, Delian Mors prestò servizio come Moff di Ryloth durante i primi anni dell’Impero Galattico. A seguito della morte della moglie Murra a causa di un incidente avvenuto su Coruscant nel 18 BBY, Mors cadde in uno stato di profonda depressione, che la portò a disinteressarsi dei suoi doveri di Moff, a condurre una vita sfarzosa e a fare largo uso di una potente droga nota come spezia. Nel 14 BBY sedò, insieme all’Imperatore Palpatine e a Darth Vader, un tentativo di rivolta su Ryloth cui aveva collaborato un suo sottoposto, il colonnello Belkor Dray, che venne in seguito giustiziato per tradimento.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme alla moglie Murra, costituisce il primo caso di matrimonio tra individui dello stesso genere nel canone di Star Wars.
Delian Mors è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo I Signori dei Sith e, successivamente, del racconto Mercy Mission.

Murra Mors

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Moglie di Delian, Moff di Ryloth, Murra Mors morì a seguito di un incidente avvenuto su Coruscant nel 18 BBY. Dopo la sua morte, Delian cadde in uno stato di profonda depressione, che la portò a disinteressarsi dei suoi doveri di Moff, a condurre una vita sfarzosa e a fare largo uso di una potente droga nota come spezia.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme alla moglie Delian, costituisce il primo caso di matrimonio tra individui dello stesso genere nel canone di Star Wars.
Murra Mors è stata menzionata per la prima volta e unica volta all’interno del romanzo I Signori dei Sith.

AleksinAleksin Pavol LGBT

Clone e amante del “fratello” Pavol, insieme al quale sognava di adottare un terzo clone come figlio, Aleksin era un eccezionale guerriero appartenente a una specie sconosciuta. Poco tempo dopo l’inizio della Guerra Civile Galattica, Aleksin fu ingaggiato, insieme a Pavol, come parte della banda guidata da Lando Calrissian che si rese responsabile del furto dell’Imperialis, panfilo personale dell’Imperatore Palpatine. A bordo dell’Imperialis, Aleksin e Pavol furono corrotti dalla nefasta influenza della maschera dell’antico Signore dei Sith Momin, che li spinse a ribellarsi a Lando e a tentare di assassinare i propri complici. Aleksin fu tuttavia ucciso dallo stesso Calrissian, mentre Pavol incorse in una morte prematura per mano di Chanat Cha.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme al fratello-clone Pavol, intrattiene quella che alcuni potrebbero definire una relazione incestuosa; la questione, in ogni caso, è controversa, poiché pone dilemmi etici tipici della fantascienza, ma ancora poco diffusi nella nostra società terrestre.
Aleksin è comparso per la prima e ultima volta all’interno della miniserie Lando.

PavolAleksin Pavol LGBT

Clone e amante del “fratello” Aleksin, insieme al quale sognava di adottare un terzo clone come figlio, Pavol era un eccezionale guerriero appartenente a una specie sconosciuta. Poco tempo dopo l’inizio della Guerra Civile Galattica, Pavol fu ingaggiato, insieme ad Aleksin, come parte della banda guidata da Lando Calrissian che si rese responsabile del furto dell’Imperialis, panfilo personale dell’Imperatore Palpatine. A bordo dell’Imperialis, Pavol e Aleksin furono corrotti dalla nefasta influenza della maschera dell’antico Signore dei Sith Momin, che li spinse a ribellarsi a Lando e a tentare di assassinare i propri complici. Pavol incorse tuttavia in una morte prematura per mano di Chanat Cha, mentre Aleksin fu ucciso dallo stesso Calrissian.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme al fratello-clone Pavol, intrattiene quella che alcuni potrebbero definire una relazione incestuosa; la questione, in ogni caso, è controversa, poiché pone dilemmi etici tipici della fantascienza, ma ancora poco diffusi nella nostra società terrestre.
Pavol è comparso per la prima e ultima volta all’interno della miniserie Lando.

Esmelle

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Originaria del pianeta Akiva, Esmelle era la sorella maggiore della pilota ribelle Norra Wexley e la zia del futuro pilota della Resistenza Temmin “Snap” Wexley. Durante la Guerra Civile Galattica, in assenza della sorella, si occupò del nipote adolescente insieme alla moglie Shirene, non senza qualche difficoltà dovuta al carattere ribelle del giovane Temmin.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale.
Esmelle è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo Aftermath e, successivamente, del sequel Aftermath – La Fine dell’Impero; è inoltre menzionata all’interno del romanzo Resistance Reborn.

Shirene

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Originaria del pianeta Akiva, Shirene era la moglie di Esmelle e, di conseguenza, cognata della pilota ribelle Norra Wexley e zia acquisita del futuro pilota della Resistenza Temmin “Snap” Wexley. Durante la Guerra Civile Galattica, in assenza della cognata, si occupò del nipote adolescente insieme alla moglie Esmelle, non senza qualche difficoltà dovuta al carattere ribelle del giovane Temmin.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale.
Shirene è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo Aftermath e, successivamente, del sequel Aftermath – La Fine dell’Impero; è inoltre menzionata all’interno del romanzo Resistance Reborn.

Sinjir Rath Velus

Nato su Sevenmoon in un periodo probabilmente compreso tra il 25 e il 35 BBY, Sinjir Rath Velus si arruolò, ancora adolescente, per l’Impero Galattico, giungendo a ricoprire la carica di ufficiale lealista per conto dell’Ufficio di Sicurezza Imperiale. Dopo la battaglia di Endor disertò e si rifugiò su Akiva, venendo poi coinvolto nelle attività della squadra composta da Norra e Temmin Wexley, Jas Emari, Jom Barell e il droide Signor Ossa per conto dell’Alleanza Ribelle prima e della Nuova Repubblica poi; sul finire della Guerra Civile Galattica, infine, divenne consigliere personale di Mon Mothma, primo cancelliere della Nuova Repubblica. A partire dal 5 ABY intrattenne una relazione omosessuale con l’informatico Conder Kyl.
Sinjir Rath Velus è stato menzionato per la prima volta all’interno del romanzo Aftermath e, successivamente, dei sequel Aftermath – Debito di Vita e Aftermath – La Fine dell’Impero.

Conder Kyl

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Maschio umano proveniente dal pianeta Chandrila, Conder Kyl prestò servizio come informatico per conto della Nuova Repubblica a seguito della battaglia di Endor, risultando fondamentale per la liberazione di Kashyyyk dal giogo dell’Impero Galattico. A partire dal 5 ABY intrattenne una relazione omosessuale con l’ex-ufficiale lealista e disertore imperiale Sinjir Rath Velus.
Conder Kyl è stato menzionato per la prima volta all’interno del romanzo Aftermath e, successivamente, del sequel Aftermath – Debito di Vita e del romanzo Last Shot.

Eleodie Maracavanya

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Proveniente dalla malfamata luna di Nar Shaddaa, Eleodie Maracavanya subì in tenera età la schiavitù dell’Impero Galattico. A seguito della propria emancipazione, si dedicò con successo alla pirateria, ponendosi a capo di una banda di predoni spaziali attiva nelle lande dello Spazio Profondo. A seguito della battaglia di Endor, Maracavanya e la sua ciurma sfruttarono il caos regnante tra le forze imperiali per attaccare e prendere possesso del Super Star Destroyer Annihilator, che ribattezzarono Liberty’s Misrule e a bordo del quale posero la propria base. Al tempo della battaglia di Jakku, il numero dei seguaci di Maracavanya era cresciuto in maniera tale da spingere Eleodie a fondare una vera e propria nazione di pirati spaziali, le Latitudini Sovrane di Maracavanya.
Benché il nome possa far pensare a un individuo di genere femminile, Eleodie Maracavanya è in realtà il primo personaggio non-binario del canone di Star Wars: fa infatti uso prevalente del pronome neutro zhe/zher, pur ricorrendo talvolta al pronome maschile he/him e al pronome femminile she/her. Nella traduzione italiana, tuttavia, è stato utilizzato unicamente il pronome femminile lei; non è chiaro se tale soluzione sia stata dettata da scelte editoriali, da resistenze culturali o dall’assenza di un pronome neutro nella nostra lingua.
Il personaggio di Eleodie Maracavanya è comparso per la prima volta all’interno del romanzo Aftermath – Debito di Vita e, successivamente, del sequel Aftermath – La Fine dell’Impero.
NB: per rispettare l’autodeterminazione del personaggio, la sezione soprastante è stata redatta secondo i principi della scrittura inclusiva.

Kaeden Larte

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Sorella maggiore di Miara Larte, Kaeden Larte è nota per aver preso parte a uno dei primi atti di ribellione contro il giogo dell’Impero Galattico, ossia la rivolta di Raada del 18 BBY, appena un anno dopo l’autoproclamazione dell’Imperatore Palpatine. Quasi un ventennio più tardi, Kaeden prestò servizio come ufficiale medico per l’Alleanza Ribelle.
Durante la rivolta di Raada, Kaeden s’innamorò di Ahsoka Tano, ex-Padawan di Anakin Skywalker, e le si dichiarò, lasciandola turbata e non ottenendo una risposta netta da parte della Togruta.
Il personaggio è dunque probabilmente omosessuale, benché tale dichiarazione non sia sufficiente a definire l’esatto orientamento sessuale del personaggio; non è chiaro, inoltre, se tale orientamento sia di pubblico dominio.
Kaeden Larte è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo Ahsoka ed è successivamente stata menzionata all’interno del racconto By Whatever Sun.

Ledaney

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Pilota di Ala-X della Flotta Stellare della Nuova Repubblica, Ledaney è un individuo di genere maschile e specie ignota che, nel 28 ABY, intrattenne una relazione omosessuale con un umano originario di Corellia.
Ledaney è comparso per la prima e unica volta all’interno del romanzo Bloodline.

Tantagru Motts-Danel

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Nato presso la colonia Tarnab stabilita sul pianeta Sriluur, Tantagru Motts-Daniel si distinse, durante gli ultimi anni della Repubblica Galattica, come scultore e artista olografico di talento. Divenne tristemente noto, tuttavia, per la realizzazione di una pessima campagna pubblicitaria commissionata dal Clan Bancario InterGalattico, dal titolo Invest Wisely. S’innamorò e, successivamente, sposò il Weequay Gojuni, a sua volta artista olografico e astratto.
Il personaggio è dunque dichiaratamente omosessuale e xenosessuale e, insieme al marito Gojuni, costituisce il primo caso di matrimonio tra individui di specie differenti all’interno del canone di Star Wars.
Tantagru Motts-Danel è stato menzionato per la prima e unica volta all’interno del reference book Propaganda – A History of Persuasive Art in the Galaxy.

Gojuni Motts-Danel

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Nato probabilmente sul pianeta Sriluur, il Weequay Gojuni Motts-Danel si distinse, durante gli ultimi anni della Repubblica Galattica, come artista olografico e astratto di talento. S’innamorò e, successivamente, sposò il Tarnab Tantagru, a sua volta scultore e artista olografico.
Il personaggio è dunque dichiaratamente omosessuale e xenosessuale e, insieme al marito Tantagru, costituisce il primo caso di matrimonio tra individui di specie differenti all’interno del canone di Star Wars.
Gojuni Motts-Danel è stato menzionato per la prima e unica volta all’interno del reference book Propaganda – A History of Persuasive Art in the Galaxy.

Amilyn Holdo

Nata su Gatalenta, durante l’adolescenza Amilyn Holdo frequentò il programma di Apprendistato Legislativo del Senato Imperiale, dove conobbe e divenne grande amica di Leia Organa. Durante la Guerra Civile Galattica, Holdo servì la causa della Ribellione, nei cui ranghi si distinse come esperta stratega; circa trent’anni più tardi, prestò inoltre servizio tra le fila della Resistenza, ricoprendo il grado di vice ammiraglio a bordo dell’incrociatore Ninka e guidandone le truppe durante la fuga da D’Qar. Poco prima della battaglia di Crait, si sacrificò saltando nell’iperspazio con l’incrociatore Raddus nell’intento di distruggere la nave ammiraglia del Primo Ordine, lo Star Destroyer di classe Mega noto come Supremacy.
Ai tempi dell’Apprendistato Legislativo, Holdo dichiarò a Leia di trovare limitante l’idea di provare attrazione solo per i maschi umanoidi, affermando inoltre di nutrire una certa preferenza per gli Aqualish, i Gran e i Talz. Questa dichiarazione, seppur non sufficiente a definire l’orientamento sessuale del personaggio, potrebbe suggerire un’eventuale identificazione di Holdo come pansessuale. Come nel caso di Lando Calrissian, la presunta pansessualità di Holdo ingloberebbe, se confermata, il concetto tipicamente fantascientifico di xenosessualità, consistente nell’attrazione verso individui appartenenti a una specie differente dalla propria.
Amilyn Holdo è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo Leia – Principessa di Alderaan e, successivamente, nel corso del film Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi.

Vi Moradi

Nota anche con i nomi in codice di Starling, Amaka Kottu, Evette Harlo e Magpie, Vi Moradi prestò servizio come spia della Resistenza durante la guerra fredda e la successiva guerra tra Primo Ordine e Resistenza. Durante l’attività di spionaggio, indagò sul passato del capitano Phasma; catturata a bordo dello Star Destroyer Absolution, barattò le informazioni in suo possesso in cambio della libertà e riuscì a convertire il capitano Cardinal alla causa della Resistenza. Si diresse poi su Batuu, dove chiamò a raccolta gli alleati della Resistenza sparsi per la galassia. Durante la sua permanenza su Batuu, rifiutò il corteggiamento di Cardinal, che nel frattempo aveva assunto il nome di Archex; in questa circostanza, pensò tra sé di non aver mai provato attrazione per alcuno, né uomo né donna.
Il personaggio è dunque probabilmente asessuale, benché tale dichiarazione non sia sufficiente a definire l’esatto orientamento sessuale del personaggio; allo stesso modo, è probabile che tale orientamento non sia di pubblico dominio.
Vi Moradi è comparsa per la prima volta all’interno del romanzo Phasma e, successivamente, del romanzo Galaxy’s Edge – Black Spire.

Larma D’Acy

Nativa del pianeta Warlentta, sul quale fu reclutata tra le fila della Resistenza da Leia Organa in persona insieme alla moglie Wrobie Tyce, Larma D’Acy partecipò alla guerra tra Primo Ordine e Resistenza del 34-35 ABY ricoprendo il grado di comandante e distinguendosi per la propria compostezza e determinazione.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme alla moglie Wrobie Tyce, è protagonista del primo bacio omosessuale presente in un’opera audiovisiva di Star Wars.
Larma D’Acy è comparsa per la prima volta nel corso del film Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi e, successivamente, del sequel Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker.

Wrobie Tyce

Nativa del pianeta Warlentta, sul quale fu reclutata tra le fila della Resistenza da Leia Organa in persona insieme alla moglie Larma D’Acy, Wrobie Tyce partecipò alla guerra tra Primo Ordine e Resistenza del 34-35 ABY servendo come pilota per la Squadriglia Cobalto e prendendo parte alla battaglia di Exegol a bordo del proprio Ala-A.
Il personaggio è dichiaratamente omosessuale e, insieme alla moglie Larma D’Acy, è protagonista del primo bacio omosessuale presente in un’opera audiovisiva di Star Wars.
Wrobie Tyce è comparsa per la prima e unica volta nel corso del film Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker.

Taka Jamoreesa

Gay Pride Flag

Nessuna immagine disponibile per questo personaggio.

Proveniente dal tristemente noto pianeta di Alderaan, sul quale nacque nel 14 BBY, Taka Jamoreesa perse entrambi i genitori a seguito della distruzione del pianeta natale avvenuta per opera della Morte Nera. Durante l’adolescenza, si dedicò al pilotaggio di navi spaziali, tanto da rientrare ben presto nel novero dei migliori piloti della galassia. Nel 7 BBY accompagnò Han Solo e Lando Calrissian durante una missione volta a fermare il pericoloso criminale Fyzen Gor. In giovane età dimostrò una particolare predilezione per la musica e, in particolare, per il gruppo musicale Snograth e i Mogwars.
Taka Jamoreesa è il secondo personaggio non-binario del canone di Star Wars dopo Eleodie Maracavanya: fa infatti uso del pronome neutro they/them. Nella traduzione italiana, tale pronome neutro è stato reso con il pronome ləi, la cui esatta pronuncia è tuttavia incerta. Nella traduzione francese, spagnola e tedesca il pronome neutro è stato invece adattato con un pronome maschile, suscitando l’irritazione del creatore del personaggio Daniel José Older.
Il personaggio di Taka Jamoreesa è comparso per la prima e unica volta all’interno del romanzo Last Shot.
NB: per rispettare l’autodeterminazione del personaggio, la sezione soprastante è stata redatta secondo i principi della scrittura inclusiva.

Flix

Esemplare maschio appartenente alla specie aviaria dei Gozzo, Flix trascorse la prima parte della sua vita sul pianeta natale Drahgor III, conducendo una raffineria di combustibile insieme ai membri del suo stesso stormo. In seguito, Flix decise di abbandonare Drahgor III per dedicarsi alla passione per la musica e inseguire il sogno di diventare un cantante. Pur non riuscendo mai a conseguire la propria aspirazione, Flix trovò la propria realizzazione lavorando all’Ufficio Acquisizioni della stazione Colosso di Castilon insieme al Chadra-Fan noto come Orka, con il quale intrattenne una relazione sentimentale.
Il personaggio è dunque probabilmente omosessuale e xenosessuale; inoltre, non è chiaro se il suo orientamento e la sua relazione con Orka siano di dominio pubblico.
Flix è comparso per la prima volta nel corso del primo episodio della prima stagione della serie televisiva Resistance.

Orka

Esemplare maschio appartenente alla specie roditrice dei Chadra-Fan, Orka è conosciuto per aver lavorato all’Ufficio Acquisizioni della stazione Colosso di Castilon insieme al Gozzo noto come Flix, con il quale intrattenne una relazione sentimentale.
Il personaggio è dunque probabilmente omosessuale e xenosessuale; inoltre, non è chiaro se il suo orientamento e la sua relazione con Flix siano di dominio pubblico.
Orka è comparso per la prima volta nel corso del primo episodio della prima stagione della serie televisiva Resistance.

PS: si ringraziano gli amici Francesco Tinivella e Carenza per il prezioso contributo apportato alla realizzazione di questo articolo.

Ma ora tocca a voi: cosa ne pensate di questo approfondimento? Conoscevate già i personaggi di cui abbiamo parlato? Ne conoscete qualcuno che a noi è sfuggito? Fatecelo sapere nei commenti e condividete questo articolo con i vostri amici! Vi ricordiamo che potete trovarci anche su Telegram con il nostro canale ufficiale https://t.me/swlibricomics e la chat https://t.me/SWLibriComicsChat!

Written by
Torinese, classe 1996, sono uno studente di Economia e Scienze Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Fan di Star Wars dai tempi de La vendetta dei Sith ma vero e proprio appassionato solo dal 2015, mi sono avvicinato al lato cartaceo della Forza grazie al fumetto Darth Vader. Da settembre 2019 scrivo per Star Wars Libri & Comics con l'obiettivo di contribuire alla diffusione e alla conoscenza di questo meraviglioso universo narrativo.

Dicci la tua!

2 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

RSS
Iscriviti via Email