Era Imperiale – Il Voto di Barash

Nell’intento di garantire la sicurezza e una durevole stabilità, la Repubblica verrà riorganizzata, trasformandosi nel primo Impero Galattico!

Coloro che lo hanno pronunciato hanno scelto di isolarsi completamente dal resto della galassia e la loro memoria si è persa nelle sabbie del tempo. Cos’è il Voto di Barash, e perché molti Jedi hanno deciso di aderirvi? Ve lo spieghiamo nel secondo articolo di approfondimento del progetto Era Imperiale, in uscita insieme a un contenuto video reperibile sul canale YouTube The Unbounds.

Il Voto di Barash era una forma di giuramento pronunciato dai Jedi che decidevano di estraniarsi del tutto dalle attività dell’Ordine, scegliendo l’eremitaggio come forma di penitenza e di devozione nei confronti della Forza. Si stima che, in tutta la lunghissima storia dell’Ordine (25.000–19 BBY), oltre quattordicimila Jedi abbiano aderito al Voto di Barash. Quelli a noi noti, tuttavia, sono solo due: il Cavaliere Dez Rydan e il Maestro Kirak Infil’a.

Prima di proseguire con la narrazione delle storie e delle motivazioni di questi due Jedi è necessaria una precisazione. Non bisogna infatti confondere coloro che pronunciavano il Voto di Barash con i Cercavia, ossia con i Jedi che richiedevano di operare indipendentemente dai dettami dell’Alto Consiglio Jedi. I Cercavia, infatti, non perseguivano il completo isolamento dalla galassia né dall’Ordine Jedi, richiedendo semplicemente di poter agire senza ordini precisi. La Cercavia più famosa è senza dubbio la Maestra Orla Jareni, vissuta durante il periodo dell’Alta Repubblica. Vi sono tuttavia testimonianze di vari Cercavia ritirati in meditazione in luoghi montuosi e di altri impegnati nella lotta contro malvagi tiranni planetari. Infine, è rimasta memoria di una Cercavia divenuta cantante su Alderaan.

È doveroso notare, inoltre, che il Voto di Barash non imponeva la chiusura alla Forza. Coloro che pronunciavano il Voto, infatti, non avevano intenzione di sopprimere la propria connessione con la Forza, bensì di rinsaldarla; non avevano intenzione di allontanarsi dalla Forza, bensì di avvicinarvisi. Allo stesso modo, la chiusura alla Forza non imponeva l’isolamento dal resto della galassia, ma solo dalla Forza stessa. Tra i più famosi Jedi a essersi chiusi alla Forza si ricordano Caleb Dume, Ahsoka Tano, Cere Junda e Luke Skywalker.

Umanoide dalla pelle dorata e i capelli corvini, Dez Rydan visse durante l’era dell’Alta Repubblica. Addestrato dalla Maestra Jora Malli, ascese al rango di Cavaliere Jedi. Nel 232 BBY si recò in missione su Zeitooine, ma tale incaricò lo frustrò a tal punto da fargli temere di poter cedere al lato oscuro della Forza e da richiedere dunque un nuovo compito. Diretto verso il Faro Starlight a bordo del vascello Vascello, rimase coinvolto nel Grande Disastro Iperspaziale e si ritrovò dunque bloccato a bordo di un’antica stazione spaziale Amaxine. A bordo della stazione, Dez venne catturato e torturato dai Drengir. Salvato dal Padawan Reath Silas, anch’egli apprendista di Jora Malli, si rese conto di aver trascurato i suoi doveri da Jedi in favore dell’avventura e di aver perso parte della propria connessione con la Forza in seguito delle torture dei Drengir. Per questo motivo, desideroso di ritrovare il proprio posto nella galassia, decise di pronunciare il Voto di Barash.

Maestro Jedi unico nel suo genere, Kirak Infil’a votò la sua vita al combattimento e divenne noto, durante gli anni trascorsi nell’Ordine, come formidabile spadaccino. Prima dell’invasione di Naboo e dell’ingresso di Anakin Skywalker nell’Ordine Jedi, Kirak decise di pronunciare il Voto di Barash e si ritirò presso la luna fluviale di Al’doleem, in attesa di comprendere il vero scopo del proprio cammino Jedi. Anche durate l’eremitaggio, continuò ad addestrarsi nel combattimento insieme al droide Arex. Scampato all’Ordine 66 grazie al Voto, venne ben presto localizzato da Darth Vader tramite gli archivi Jedi della stazione Brighthome… Ma questa è un altra storia.

Il secondo approfondimento scritto del progetto Era Imperiale termina qui. Vi è piaciuto? Conoscevate la storia del Voto Barash e dei Jedi che l’hanno pronunciato? Fatecelo sapere con un commento e condividete questo articolo con i vostri amici! Vi invitiamo inoltre a recuperare il video pubblicato in data odierna:

Era Imperiale 02 – Voto Barash, pubblicato su The Unbounds:

Non perdetevi i prossimi contenuti di Era Imperiale, in arrivo lunedì 11 ottobre! Vi ricordiamo che potete trovarci anche su Telegram con il nostro canale ufficiale https://t.me/swlibricomics e la chat https://t.me/SWLibriComicsChat. Inoltre, è ora attivo il nostro store con il merchandising ufficiale di Star Wars Libri & Comics.

Per una società più salda e più sicura!

Written by
Torinese, classe 1996, sono uno studente di Economia e Scienze Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Fan di Star Wars dai tempi de La vendetta dei Sith ma vero e proprio appassionato solo dal 2015, mi sono avvicinato al lato cartaceo della Forza grazie al fumetto Darth Vader. Da settembre 2019 scrivo per Star Wars Libri & Comics con l'obiettivo di contribuire alla diffusione e alla conoscenza di questo meraviglioso universo narrativo.

Dicci la tua!

6 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>