Star Wars Eclipse: tutti i dettagli del trailer!

Con un annuncio a sorpresa giunto durante i The Game Awards, durante la notte tra giovedì e venerdì è stato rivelato il primo trailer di Star Wars Eclipse, videogioco prodotto da Lucasfilm Games e Quantic Dream ambientato durante l’epoca dell’Alta Repubblica. Il videogioco è al momento alle prime fasi dello sviluppo e, al momento, non è ancora stata ancora svelata una data di uscita. Anche questa volta, noi di Star Wars Libri & Comics abbiamo studiato e analizzato il trailer, che potete vedere qui sotto in lingua inglese, al fine di presentarvi i principali spunti e riferimenti offerti in vista della futura uscita.

Il trailer si apre con la figura di un umanoide dalla pelle grigia che si appresta con solennità a suonare un gong. Il montaggio alterna poi le immagini di un’eclissi solare, lo stesso fenomeno astronomico che dà il nome all’intero progetto, e di un misterioso occhio azzurro che scruta l’evento. Non sappiamo, al momento, né chi sia l’alieno, né cosa stia oscurando il sole, né chi stia scrutando l’eclissi. Sono inevitabili, ma al contempo improbabili, i collegamenti con un’arma distruggi-pianeti come la Morte Nera o la Base Starkiller, mentre c’è chi ipotizza che l’occhio appartenga alla Maestra Jedi Avar Kriss, sceriffo del Faro Starlight nelle opere del progetto editoriale L’Alta Repubblica. Anche quest’ultima ipotesi, tuttavia, non pare supportata da prove sufficienti. 

La macchina da presa si concentra poi su di un sistema non identificato, caratterizzato da pianeti di vario aspetto e da una fascia di asteroidi.  Qui, una nave piuttosto malridotta pare dirigersi precipitosamente verso un mondo terracqueo, forse citando l’arrivo della Razor Crest su Trask dopo le disavventure su Maldo Kreis. L’inquadratura riprende poi una città dall’aspetto fastoso, il cui cielo è solcato da navette stellari corelliane CSS-1 e mercantili AA-9, già visti, rispettivamente, in Episodio I – La Minaccia Fantasma ed Episodio II – L’Attacco dei Cloni. La presenza di questi velivoli potrebbe lasciar intuire dunque che si tratti di un Mondo del Nucleo, permettendo quindi di scartare l’ipotesi che si tratti di Valo, sede della Fiera della Repubblica

Assistiamo poi a scene di vita quotidiana tra quelle che, dati i passanti, parrebbero essere le strade di Jedha. Vediamo infatti, tra un Rodiano e un Mon Calamari, vari adepti di culti della Forza, tra cui l’Isopter Centrale, i Discepoli dei Whill e il Clan dei Toribota. Spicca poi quello che sembra un avventuriero Duros con la benda sull’occhio, mentre la macchina da presa inquadra, in rapida successione, una scenografia naturale e l’inconfondibile panorama urbano dell’ecumenopoli di Coruscant visto dalla sala dell’Alto Consiglio Jedi, in cui un solitario e, forse, sconsolato Gran Maestro Yoda scruta l’orizzonte. Non ha ancora, evidentemente, appreso la lezione che, molti anni più tardi, impartirà al suo allievo, l’ultimo Jedi, Luke Skywalker.

Dopo la fugace inquadratura di un droide protocollare incompleto e molto simile al C-3PO di Episodio I – La Minaccia Fantasma, il trailer mostra un combattimento, probabilmente un addestramento, tra due giovani Cavalieri Jedi. Nonostante non vi sia alcuna conferma in tal senso e la spada della ragazza non sia viola, bensì di colore azzurro, i due assomigliano vagamente a Bell Zettifar e Vernestra Rwoh, personaggi già esplorati dal progetto editoriale L’Alta Repubblica, mentre il luogo pare essere il tempio di Valron, nel quale abbiamo già assistito alle avventure di Ady Sun’Zee nel videogioco VR per Oculus Quest Tales from the Galaxy’s Edge e nel sequel Tales from the Galaxy’s Edge: Last Call.

Si assiste poi alle riprese di due mondi acquatici. Il primo, decisamente più lussureggiante, è contraddistinto dalla presenza di una nave probabilmente ispirata a un mercantile di classe Dynamic, il cui esemplare più famoso è la Ebon Hawk di Knights of the Old Republic, e di un caccia stellare N-1 di Naboo: ci troviamo forse sulla superficie di una luna del settore di Chommel? Il secondo pianeta, invece, pare decisamente più freddo e dominato da una minacciosa torre nera, mentre vari velivoli da battaglia sfrecciano sopra uno specchio d’acqua, ricordando vagamente la battaglia di Takodana tra Resistenza e Primo Ordine vista in Episodio VII – Il Risveglio della Forza.

La camera si sofferma per un breve istante su di un Neimoidiano, probabilmente un pezzo grosso della Federazione dei Mercanti (fondata, lo ricordiamo, nel 350 BBY, circa cinquant’anni prima dell’inizio dell’epoca d’oro nota come Alta Repubblica), mentre due Jedi dalle lame blu e oro paiono intenti ad affrontare un’orda di nemici in un paesaggio nevoso. Il pensiero corre subito ai Nihil, principali antagonisti dei guardiani di pace e giustizia in questo periodo storico, ma è impossibile distinguere con chiarezza l’aspetto dei guerrieri. Osserviamo poi una figura femminile immersa nelle fiamme, forse una Jedi o una nobile, adornata di un diadema sulla fronte. Non vi è, purtroppo, alcun indizio sull’identità della ragazza, trattandosi probabilmente di un personaggio inedito.

La situazione precipita quando un’immenso esercito di umanoidi grigi pare dirigersi alla guerra. Che si tratti di una nuova minaccia per la sicurezza della Repubblica? È altamente probabile, ma ancora una volta i Jedi si muoveranno in difesa dell’ormai millenario governo della galassia conosciuta. A ogni modo, si noti come l’ambientazione della scena al tramonto ricorda molto da vicino, anche se forse più in grande, la partenza dei soldati clone del Grande Esercito della Repubblica vista in Episodio II – L’Attacco dei Cloni, avvenuta sotto lo sguardo del compiaciuto Cancelliere Palpatine e del ben più preoccupato vicerè di Alderaan Bail Organa.

L’atmosfera bellica si fa sempre più pesante, e la transizione tra il tempo di pace e il periodo di conflitto si vede anche dall’aspetto delle astronavi coinvolte. I mercantili LH-3210 di classe Lucrehulk vengono infatti ammodernati, modificati e aggiornati, trasformandosi nelle quasi omonime navi da battaglia di classe Lucrehulk. La Federazione dei Mercanti sarà dunque coinvolta nel conflitto e, anche dopo la cessazione delle ostilità, manterrà la propria marina militare, che rivedremo in Episodio I – La Minaccia Fantasma. La domanda, a questo punto, risulta spontanea: ritroveremo anche i droidi da battaglia di serie B1? Non è chiaro, ma nel frattempo la scena ricorda l’assalto della flotta ribelle al portale di Scarif in Rogue One – A Star Wars Story.

Forse a conclusione del rituale compiuto dai percussionisti umanoidi, una figura altrettanto umanoide emerge da una vasca contenente un liquido nero e viscoso simile a pece o petrolio. Non abbiamo idea di chi possa trattarsi, ma si può ipotizzare che sia un guerriero particolarmente potente, o un membro della specie dotato di poteri specifici, magari versato nella Forza e, presumibilmente, nel lato oscuro. La sequenza ricorda incredibilmente la rigenerazione del barone Vladimir Harkonnen nel recentissimo Dune di Denis Villeneuve, ma anche la nascita del primo Uruk-hai nella trilogia cinematografica de Il Signore degli Anelli, diretta da Peter Jackson.

Ma ora tocca a voi: vi è piaciuto questo trailer? Aspettate anche voi con trepidazione il videogioco Star Wars Eclipse? Fatecelo sapere nei commenti e condividete questo articolo con i vostri amici! Vi ricordiamo che potete trovarci anche su Telegram con il nostro canale ufficiale https://t.me/swlibricomics e la chat https://t.me/SWLibriComicsChat!

Written by
Torinese, classe 1996, sono uno studente di Economia e Scienze Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Fan di Star Wars dai tempi de La vendetta dei Sith ma vero e proprio appassionato solo dal 2015, mi sono avvicinato al lato cartaceo della Forza grazie al fumetto Darth Vader. Da settembre 2019 scrivo per Star Wars Libri & Comics con l'obiettivo di contribuire alla diffusione e alla conoscenza di questo meraviglioso universo narrativo.

Dicci la tua!

5 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>