[Recensione] L’Alba degli Jedi vol. 2 – Prigioniero di Bogan

Summary
Dopo un primo volume che aveva affascinato pur lasciando un certo amaro in bocca, Prigioniero di Bogan porta avanti L'Alba degli Jedi in maniera molto matura attraverso una trama meglio sviluppata e personaggi ben approfonditi. I disegni si confermano come sempre uno dei punti di forza della serie che finalmente cattura e appassiona riportandoci bene nelle linee dell'Universo di Star Wars.
Good
  • Una trama più articolata
  • Nuovi e vecchi personaggi
  • I disegni di Jan Duursema
Bad
  • Un po' di confusione iniziale
8.3
Buono
Storia - 8
Disegni - 9
Edizione - 7.5
Sensazioni - 8.5

Torniamo questo mese nel passato remoto della Galassia lontana lontana attraverso il secondo volume de L’Alba degli Jedi, intitolato Prigioniero di Bogan: un viaggio, quello di questo fumetto, attraverso il lato oscuro e la storia del popolo dei Rakata.

Prigioniero Bogan

  • Titolo: Star Wars: L’Alba degli Jedi vol. 2 – Prigioniero di Bogan
  • Data di uscita: 7 aprile 2016
  • Autori: John Ostrander, Jan Duursema
  • Edito da: Panini Comics
  • Edizione: 120 pp, colore
  • Prezzo: €13.00

Sinossi

Prima che l’Antica Repubblica scoprisse i viaggi iperspaziali, i Je’daii – i progenitori dell’Ordine Jedi – proteggevano il sistema Tython. Ma dopo le vicende narrate nel primo volume L’Alba degli Jedi – Tempesta di Forza, i Je’daii sono costretti ad affrontare una nuova minaccia. Il misterioso guerriero Xesh, un segugio della Forza Rakata, schiavo cresciuto al fine di individuare pianeti potenti nella Forza di cui i suoi padroni possano cibarsi, è stato esiliato sulla luna oscuro di Bogan per meditare sul Lato Oscuro e trovare l’equilibrio nella Forza. Lì si unisce con il Je’daii matto, ormai caduto nel Lato Oscuro, Daegen Lok, che lo sfrutta per costruire una spada di forza e compiere la sua visione: una guerra contro i Rakata è alle porte ed è tempo che gli Je’daii si armino, anche cedendo all’oscurità proclama Daegen Lok. Gli Je’daii riescono a confinare la minaccia di Lok ma non possono fare altro che aspettare le navi da guerra Rakata in rotta verso Tython.

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/S/cmx-images-prod/Image/109436/oct120050-01._QL80_TTD_.jpg

Cosa mi è piaciuto?

Una trama più articolata

Dopo l’inizio mitologico del primo volume qui la trama si sviluppa e articola meglio, ritrovando anche alcuni topoi tipici dell’Universo di Star Wars (come la locanda malfamata, gli inseguimenti a bordo di astronavi…) che, non essendo presenti nel primo volume, me lo avevano fatto sembrare molto distante dallo Star Wars che tutti conosciamo.

La vicenda di Xesh e Lok è ben sviluppata ed è legata in maniera molto stretta con il futuro attacco dei Rakata, finalmente approfonditi: il prossimo, ricordo, sarà il volume conclusivo della serie.

Nuovi e vecchi personaggi

Daegen Lok si inserisce molto bene nelle vicende ed è anche ben scritto e approfondito. Un personaggio negativo ma non cattivo molto interessante che lascia modo di sviluppare la storia e la psicologia di Xesh. I je’daii forse leggermente sotto tono in questo volume ma lo spazio a loro riservato non è poi così tanto nella totalità della vicenda.

I disegni

Amo moltissimo il tratto della Duursema e qua ci consegna un altro volume davvero fantastico: volti e fisicità espressovi, scene di combattimento chiare e ben gestite.

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/S/cmx-images-prod/DigitalPage/27820006/a0513e6b69f7ee86b43f0221a45d6959._SX640_QL80_TTD_.jpg

Cosa non mi è piaciuto?

Un po’ di confusione iniziale

Ho trovato le prime 15-20 pagine del volume un po’ troppo confuse con troppe cose non spiegate ma per fortuna il senso di spaesate to mi è passato dopo poco.

Conclusione

Dopo un primo volume che aveva affascinato pur lasciando un certo amaro in bocca, Prigioniero di Bogan porta avanti L’Alba degli Jedi in maniera molto matura attraverso una trama meglio sviluppata e personaggi ben approfonditi. I disegni si confermano come sempre uno dei punti di forza della serie che finalmente cattura e appassiona riportandoci bene nelle linee dell’Universo di Star Wars.

Written by
Laureato in Bionics Engineering alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, lavoro nella progettazione di dispositivi medicali. Fan di Star Wars da quando ero piccolo, all'età di circa 11 anni scopro i fumetti di Star Wars. Dal febbraio 2015 ho lanciato Star Wars Libri & Comics, un progetto nato per condividere la mia passione per "il Lato Cartaceo della Forza" e che, nel corso degli anni, è diventato il punto di riferimento italiano per i lettori di Star Wars.

Dicci la tua!

0 0

4 Comments

  1. Ciao, ma il terzo volume quando esce??

    Reply
    • Ancora non è stato annunciato ma dovrebbe uscire nei prossimi mesi 😀

      Reply
  2. Quanti volumi saranno?

    Reply
    • Ce ne sarà ancora un altro, per un totale dunque di 3 volumi

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.