[Recensione] Star Wars 2 – Operazione Starlight

Summary
Operazione Starlight, con le sue numerose scene di azione, battaglie e missioni continua a mantenere desta l'attenzione per la serie ammiraglia Star Wars. Oramai perfettamente calati nel contesto storico, il periodo tra Ep. V ed Ep. VI, possiamo smettere di ripensare con nostalgia al passato e lasciarci coinvolgere dal presente. La sceneggiatura è ben realizzata, finendo per non annoiare mai, così  come le tavole e i disegni. Nulla da eccepire per quanto riguarda personaggi e atmosfere, per ora, a parte quanto evidenziato sopra. 
Good
  • L'approfondimento del Comandante Zahra
  • Un riferimento all'Alta Repubblica
  • La determinazione dei Ribelli
Bad
  • Il Comandante Zahra
  • Lando Calrissian
7.8
Discreto
Storia - 7.7
Disegni - 7.5
Edizione - 8
Sensazioni - 8

Star Wars – Operazione Starlight continua la serie regolare Star Wars (2020) , iniziata con La Strada del Destino, aggiungendovi i numeri da #7 a #11. Siamo nel periodo immediatamente successivo alla clamorosa sconfitta su Hoth, ma la Ribellione sembra tutt’altro che disposta ad abbandonare la battaglia per la liberazione della Galassia dalla tirannia dell’Impero. La sceneggiatura del fumetto è affidata a Charles Soule, mentre le tavole sono opera di Jan Bazaldua e Ramon Rosanas.

Star Wars - Operazione Starlight

  • Titolo: Star Wars (2020) Vol. 2 – Operazione Starlight
  • Data di uscita: 24/11/2022
  • Autore: Ramon Rosanas, Jan Bazaldua, Charles Soule
  • Edito da: Panini Comics
  • Edizione: 17×26 cm, cartonato, 112 pagine a colori
  • Prezzo: 17,10 Euro Amazon IT

Sinossi

Il Comandante Imperiale Ellian Zahra è stata incaricata dal terrificante Darth Vader di rintracciare quel che rimane della flotta ribelle dalla Battaglia di Hoth… e distruggerla! Ma Zahra ha un altro obiettivo in mente: eliminare Leia Organa!

Cosa mi è piaciuto

L’approfondimento del Comandante Zahra

Operazione Starlight continua ad avere come villain principali per i Ribelli, a bordo del suo Star Destroyer “Volere di Tarkin”,  il Comandante Zahra. Sino a ora di lei sapevamo che avesse perso qualcuno nella distruzione della Morte Nera e che incolpasse personalmente la Principessa Leia di ciò. Il volume ci mostra come Zahra porti il lutto per nientemeno che il Governatore Tarkin, suo mentore. Durante alcuni flashback apprendiamo che la giovane imperiale ha sviluppato una profonda devozione per costui, dal quale ha imparato molto, salvo poi deluderlo per aver gestito in malo modo un’operazione su Ikkruk. Al netto del fanatismo che domina alcuni elementi, in particolar modo tra gli imperiali, è apprezzabile vedere dei personaggi ben caratterizzati mossi da emozioni, invece che semplici “passacarte” dell’Imperatore. Ciò non toglie che la stessa Zahra sappia capire quando avere una mente razionale e analitica, evitando di diventare vittima delle proprie pulsioni.

Un riferimento all’Alta Repubblica

Alcune citazioni sono più illustri di altre, questo è certo, ma si possono apprezzare anche le più modeste. Accade così di scoprire che su Ikkruk opera un signore della guerra di nome Burnium Ro, che, citando Tarkin: “… utilizza la stessa retorica e lo stesso simbolismo di una vecchia organizzazione criminale chiamata Nihil. Non abbiamo evidenze che Burnium, pur condividendo il nome con il famoso e famigerato Occhio, Marchion, sia un parente di questi, ma è encomiabile vedere come ci siano sempre riferimenti ad altre opere, altri tempi, ecc, in ogni prodotto. 

Star Wars - Operazione Starlight

Burnium Ro

La determinazione dei Ribelli

Operazione Starlight dovrebbe mostrare una Ribellione a pezzi, demoralizzata dalla batosta di Hoth. Non solo, i codici delle comunicazioni ribelli sono stati scoperti dall’Impero: come conseguenza di ciò le varie flottiglie scampate alla distruzione stanno andando incontro a letali imboscate nei vari punti di raduno. Che soluzione escogitare?  A quanto pare una che prevede di sfruttare le preziose conoscenze contenute nella testa di un vecchio droide conservato in un vault su Coruscant! Non importa quanto rocambolesca sia la missione, o chi vi prenda parte o vi perisca,  i Ribelli sono disposti fino all’estremo sacrificio per la causa, e questo basta e avanza per gustarsi ogni loro operazione. Per quanto i villain tentino di fiaccare la resistenza dei coraggiosi ribelli, questi sono sempre pronti a dimostrarsi più carichi che mai, ottenendo discreti successi. 

Cosa non mi è piaciuto

Il Comandante Zahra

Sembra assurdo da dire, ma è così. Se il personaggio di Zahra risulta ben caratterizzato e sviluppato, alcune sue caratteristiche sono digeribili faticosamente. Mi riferisco a tutte le scene di azione in cui l’imperiale risulta troppo “overpowered”, per usare un gergo da gamer. Non è difficile credere che sia dotata di qualità fisiche superiori alla media, avendo superato alcune sfide lanciate da Tarkin, ma qui si assiste a una scena decisamente esagerata; sto parlando della sequenza ambientata nell’incrociatore Nebulon, durante la quale Zahra riesce a disabilitare la nave, sopraffare Leia, prendersi gioco di Luke, abbandonare la fregata e e rientrare via jetpack nello spazio nel proprio Star Destroyer. Passi la determinazione, ma qui si è ecceduto un tantino, forse. 

Star Wars - Operazione Starlight

La Comandante Zahra un po’troppo OP.

Lando Carlissian

Operazione Starlight fa fare un grande passo all’indietro all’ex Barone Amministratore di Cloud City, Lando. L’avevamo visto, in Ep. V, digerire malamente l’accordo preso con l’Impero, arrivando a sacrificare il proprio ruolo e ricchezze per recuperare Han e aiutare i nostri a sfuggire dalla città. Elemento imprescindibile per l’operazione su Coruscant, sapevamo che avesse un debito con Jabba contratto nel volume precedente. Ebbene, la reticenza nel collaborare col gangster termina di colpo quando la vita di Lobot viene messa a rischio per la salvezza della Ribellione tutta, fatto che a Lando non va bene. Che fosse una canaglia era noto, così come che avesse il cuore d’oro, ma il tradimento che sta mettendo in atto ha dimensioni clamorose, restituendoci un personaggio falso ed egoista. Come riusciranno a farlo uscire da questa situazione e a farlo evolvere è da vedersi, ma non sembra un’impresa da poco.

Star Wars - Operazione Starlight

Lando Calrissian decide di tradire la Ribellione.

Conclusione

Operazione Starlight, con le sue numerose scene di azione, battaglie e missioni continua a mantenere desta l’attenzione per la serie ammiraglia Star Wars. Oramai perfettamente calati nel contesto storico, il periodo tra Ep. V ed Ep. VI, possiamo smettere di ripensare con nostalgia al passato e lasciarci coinvolgere dal presente. La sceneggiatura è ben realizzata, finendo per non annoiare mai, così  come le tavole e i disegni. Nulla da eccepire per quanto riguarda personaggi e atmosfere, per ora, a parte quanto evidenziato sopra. 

Altre opere:

Non dimenticate di condividere, commentare la recensione e, soprattutto, di lasciare anche voi il vostro voto al volume! Vi ricordiamo che potete trovarci anche su Telegram con il nostro canale ufficiale.

Written by
Sono uno studente di Giurisprudenza presso l'università di Roma - Tor Vergata e un appassionato fan di Star Wars dal lontano 1997. Dal febbraio 2015, grazie a Star Wars Libri & Comics, mi sono avvicinato anche al mondo dei prodotti cartacei, come romanzi, fumetti e libri di approfondimento, aggiungendoli alla mia già folta collezione di videogiochi e Lego. Collaboro orgogliosamente a questo progetto nella speranza di poter aiutare altri a "fare un passo in un mondo più vasto" per poter apprezzare al meglio Star Wars in ogni sua sfumatura.

Dicci la tua!

1 1

1 Comment

  1. un quermiano che usa la parola “fascisti” in una galassia lontana lontana?neanche Guzzanti… solo quello vale un voto bassissimo.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>