[Recensione] Han Solo e Chewbacca vol. 1 – Un Gioco da Ragazzi

Summary
Han Solo e Chewbacca vol. 1 - Un Gioco da Ragazzi fa della semplicità il suo orbak da battaglia regalandoci una classica avventura di Han Solo senza troppe pretese ma ben confezionata e che intrattiene per tutta la sua durata.
Good
  • Semplicemente Han
  • Familiarità
  • Disegni...
Bad
  • ...ma non sempre
  • Prezzo abbastanza elevato
6.8
Sufficiente
Storia - 7
Disegni - 7.5
Edizione - 5
Sensazioni - 7.8

Han Solo e Chewbacca vol . 1 – Un Gioco da Ragazzi è il primo dei due volumi che contengono i numeri della sospettosamente breve serie regolare dedicata a uno dei duo più iconici della saga.

  • Data di uscita ITA: 13 Aprile 2023
  • Autori: Marc Guggenheim, David Messina, Phil Noto
  • Edito da: Panini Comics
  • Edizione: 17X26, 160 pagine, colore, cartonato
  • Prezzo: 21,00 € – ACQUISTA ORA
  • Contiene: Han Solo & Chewbacca (2022) #1/5, Life Day #1 (inediti)

Han Solo e Chewbacca vol. 1 – Un Gioco da Ragazzi: Sinossi

Prima che si unissero all’Alleanza Ribelle, Han Solo e Chewbacca erano due contrabbandieri al servizio di Jabba the Hutt. Ovviamente, quello che avrebbe dovuto essere un lavoro semplice si trasforma presto in un’avventura piena di imprevisti letali. Ospite speciale, il cacciatore di taglie Rodiano chiamato Greedo! 

Cosa mi è piaciuto

Una storia di Han Solo

Probabilmente con l’intento di compensare l’assenza di Han dalla serie regolare Star Wars (2020) si è deciso di dare ai lettori qualcosa sul personaggio. A differenza della miniserie Obi-Wan Il Fine di un Jedi,  il  cui scopo era proporre qualcosa di stantio tra l’altro in concomitanza con la serie TV cavalcandone l’onda, qua invece,  per quanto non sia nulla di originale, si cerca di andare incontro a una reale necessità ovvero, come già detto, la MANCANZA del personaggio da  un bel po’ di tempo.

L’autore ha quindi deciso di regalarci una storia apparentemente e momentaneamente distante dai grandi eventi dei film, un po’ come avveniva con la miniserie Han Solo nel lontano 2018. Una storia semplice senza troppe pretese. Una storia in cui il protagonista non si evolve… è semplicemente Han Solo che si comporta come tale. Han Solo e Chewbacca vol. 1 – Un Gioco da Ragazzi è esattamente questo. Vediamo Han che cercherà di svignarsela da situazioni pericolose come solo lui sa fare: con la sua parlantina e un’abbondante dose di fortuna. E forse è proprio questa semplicità il punto forte dell’opera.  Se volete approfondire vi invito a recuperare la nostra chiacchierata a riguardo sul nostro canale YouTube.

Il tutto è poi mostrato in una storia che ricorda il genere dell’heist movie. Esattamente come avveniva nel film Solo: A Star Wars Story infatti Han si ritroverà a dover portare a termine un colpo per Jabba accompagnato da nostre nuove e vecchie conoscenze come Greedo e anche da una persona che Han conosce fin troppo bene. O forse no…

Cosa non mi è piaciuto

Più un “Solo” che un duo

A dispetto del titolo le vicende sembrano incentrarsi più sulla figura di Han il quale lo vediamo compiere la sua missione separato dal suo vecchio amico. Le interazioni tra i due sono molto ridotte lasciando ampio spazio più alle dinamiche tra Han e gli altri personaggi. Nonostante Chewbe partecipi al piano messo in atto per portare a termine il colpo, il suo coinvolgimento è quasi marginale e opera spesso in solitaria. Che il duo lavorasse fianco a fianco non era particolarmente necessario ma sarebbe stato quantomeno apprezzato una cura maggiore nelle scene che vedono solo Chewbe protagonista. Da un’opera che porta il nome di entrambi nel titolo mi aspettavo che dessero pari spazio a entrambi. Chissà magari Chewbe avrà molto più spazio nel  secondo volume considerando anche come si è concluso il primo.

Il Giorno della Vita

Oltre a contenere i  primi cinque spillati il volume  anche in  edizione italiana vanta l’inserimento dello speciale one-shot sul  giorno della vita, la rinomata festa dei Wookiee che ricalca il Ringraziamento americano. Per quanto abbia apprezzato la volontà di distribuire tale one shot all’interno del volume, essendo in parte dedicato al duo, esso si rivela un’ antologia di tre racconti poco ispirata e dai disegni non sempre al top. Apprezzato invece il lavoro di David Messina nell’opera principale, un altro italiano che si unisce alla famiglia. 

Edizione

Normalmente non avrei nulla da ridire sull’edizione. Si tratta pur sempre del solito volume cartonato con la gradita aggiunta del one-shot. Peccato solo che 19,95€ siano eccessivamente troppi, ed è solo il prezzo scontato. L’edizione è qualcosa a cui teniamo molto e quindi è uno dei punti che influenzerà la valutazione finale. Purtroppo il prezzo elevato mina l’accessibilità dell’opera scoraggiando alcuni potenziali utenti dall’acquisto. Spero che le nostre belle parole sull’opera spingano i nostri lettori all’acquisto di un volume molto valido, anche a discapito del prezzo.

Conclusioni

Han Solo e Chewbacca vol. 1 – Un Gioco da Ragazzi è dunque una serie senza troppe pretese ma proprio per questo leggera da leggere e che riesce ad intrattenere. La parola chiave è “familiarità”, vi ritroverete a leggere una classica avventura da vere Guerre Stellari.

Che cosa ne pensate di Han Solo e Chewbacca vol.1 – Un Gioco da Ragazzi? Fatecelo sapere nei commenti! Vi ricordiamo che potete trovarci anche sul nostro canale Youtube e su Telegram con il nostro canale ufficiale e la nostra attivissima chat! Vi ricordiamo inoltre il nostro store con il merchandising ufficiale di Star Wars Libri & Comics!

Written by
Molti sicuramente mi conoscono come Cλ²RMYO e sapranno già tutto di me ma per chi non mi conoscesse sappiate che sono grande fan della Galassia lontana lontana e il mio obiettivo per quanto mi sarà possibile è quello di aiutare altri fan come me a compiere i loro primi passi in questo universo più grande e a tenerli sempre aggiornati.

Dicci la tua!

0 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>