[Recensione] The High Republic – Defy the Storm

Summary
Defy the Storm, in conclusione, è un'aggiunta fondamentale alla Fase III (e probabilmente a tutto il progetto) dell'Alta Repubblica ma che soffre di un ritmo troppo sbilanciato. Tessa Gratton e Justina Ireland mettono sul piatto tanti elementi che siamo sicuri saranno di grande rilevanza per il futuro, concentrandosi forse un po' troppo poco sul presente, con tre linee narrative che risultano un po' affrettate. I personaggi sono però gestiti benissimo nella loro crescita e maturazione: l'approfondimento di comprimari e protagonisti è pienamente approvato! 
Good
  • Tanta carne al fuoco
  • Ottimi approfondimenti sui personaggi
Bad
  • Ritmo mal gestito
7.8
Discreto
Storia - 7
Scrittura - 8
Sensazioni - 8.5

Dopo aver lanciato la Fase II del progetto Alta Repubblica con Il sentiero dell’Inganno, il duo Ireland-Gratton ci propone un nuovo romanzo Young Adult, primo di tre di questa Fase III, che riprende i personaggi presentati in Una prova di coraggioFuori dalle ombre, come Vernestra Rwoh, Avon Starros, Jordanna Sparkburn e Sylvestri Yarrow. Il romanzo è uscito a Marzo 2024 negli Stati Uniti mentre in Italia dovrebbe uscire a Settembre 2024 col titolo di Sfidare la tempesta, sempre edito da Panini Comics.

  • Titolo: Star Wars: The High Republic– Defy the Storm
  • Autore: Tessa Gratton & Justina Ireland
  • Data di uscita (USA): 5 Marzo 2024
  • Edizione: Copertina rigida , 464 pagine
  • Prezzo: 19.44€ SU AMAZONPREORDINA L’EDIZIONE ITALIANA

Defy the Storm – Sinossi

La Repubblica Galattica è nel caos dopo la distruzione del Faro Starlight da parte dei Nihil. Approfittando della loro vittoria, i Nihil hanno eretto una barriera chiamata Murotempesta attorno a una sezione dello spazio della Repubblica e l’hanno rivendicata come loro. All’interno di questa Zona di Occlusione, le persone vivono alla mercé dei Nihil, e i Nihil non sono noti per la loro misericordia.

La Jedi Vernestra Rwoh, credendo che il suo Padawan, Imri Cantaros, sia tra le vittime del Faro Starlight, si è ritirata su un pianeta pacifico dove spera di curare le sue ferite e ritrovare un certo equilibrio. Ma la sua amica Avon Starros ha altri piani. Avon sa che Imri è vivo all’interno della Zona di Occlusione e che lei e Vernestra devono trovarlo. Con l’aiuto dell’ex vice sceriffo di frontiera Jordanna Sparkburn e dell’inaffidabile Xylan Graf, Avon e Vernestra si mettono in viaggio per oltrepassare il Murotempesta e entrare nella Zona di Occlusione alla ricerca di Imri. Ma all’interno del territorio dei Nihil, il pericolo è dietro ogni angolo… così come creature terrificanti note come i Senzanome.

Come può Vernestra trovare il suo Padawan perduto quando le sue stesse capacità nella Forza diventano le sue nuove debolezze? E quali sono le vere motivazioni di Avon dietro le linee nemiche?

Cosa mi è piaciuto

Tanta carne al fuoco

Così come era stato per Fuori dalle ombre, anche Defy the Storm è un titolo young adult che mette TANTA carne al fuoco nelle vicende e nella lore dell’Alta Repubblica. Dalle visioni di Vernestra alla piaga che sta colpendo alcuni pianeti e che rassomiglia così tanto agli effetti dei Senzanome, dalla tecnologia iperspaziale a cosa i Jedi stanno studiando al tempio, risulta chiaro come il romanzo di Gratton e Ireland sia un tassello fondamentale nel mosaico dell’Alta Repubblica

Sebbene la trama in sé sia limitata nell’impatto, ciò che i personaggi affrontano o incontrano è sicuramente un assaggio di quello che arriverà  nelle prossime “puntate”. La carne al fuoco viene dunque messa da Defy the Storm ma, per mangiarla, servirà attendere ancora.

Ottimo sviluppo dei personaggi

Splendido il lavoro che le due autrici hanno svolto su tutti i personaggi: dai protagonisti ai comprimari, da chi abbiamo visto spesso a chi abbiamo visto meno. Ci ritroviamo con facce familiari consapevoli di tutto ciò che è successo, osservando evoluzioni e maturazioni coerenti con il passato e intriganti per il futuro. Anche personaggi che in passato non brillavano, come Sylvestri Yarrow e Jordanna Sparkburn, vengono approfondite adeguatamente.

L’unica nota un po’ più stonata sta nel capitolo 40 probabilmente, una vera e propria coltellata emotiva saltata fuori un po’ dal nulla: sono fiducioso che capiremo di più però in Temptation of the Force vista l’autrice e i personaggi coinvolti.

Cosa non mi è piaciuto

Ritmo mal gestito

Di Defy the Storm mi sento di criticare il ritmo e, alla fine della fiera, la vera e propria trama del romanzo. All’opera servono diversi capitoli per ingranare, circa metà libro e, quando lo fa, divide i suoi protagonisti e le sue sottotrame in tre, affrettandone la chiusura dopo tanta attesa. Non il modo migliore di strutturare il romanzo, anche alla luce del fatto che vengono messe in gioco tanti elementi per il futuro, considerando però troppo poco il presente.

Conclusioni

Defy the Storm, in conclusione, è un’aggiunta fondamentale alla Fase III (e probabilmente a tutto il progetto) dell’Alta Repubblica ma che soffre di un ritmo troppo sbilanciato. Tessa Gratton e Justina Ireland mettono sul piatto tanti elementi che siamo sicuri saranno di grande rilevanza per il futuro, concentrandosi forse un po’ troppo poco sul presente, con tre linee narrative che risultano un po’ affrettate. I personaggi sono però gestiti benissimo nella loro crescita e maturazione: l’approfondimento di comprimari e protagonisti è pienamente approvato! 

Written by
Laureato in Bionics Engineering alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, lavoro nella progettazione di dispositivi medicali. Fan di Star Wars da quando ero piccolo, all'età di circa 11 anni scopro i fumetti di Star Wars. Dal febbraio 2015 ho lanciato Star Wars Libri & Comics, un progetto nato per condividere la mia passione per "il Lato Cartaceo della Forza" e che, nel corso degli anni, è diventato il punto di riferimento italiano per i lettori di Star Wars.

Dicci la tua!

2 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>