[Recensione] PK – Potere e Potenza

Summary
PK- Potere e potenza segna la rinascita del personaggio di Paperinik in veste più matura ed evoluta, qui impegnato  a salvare la Terra dall'invasione degli Evroniani. Questa miniserie rilancia il personaggio efficacemente, condendo la vicenda di richiami al passato, rimettendo in campo tutte le forze ancora presenti dalla saga originale, tra cui il Razziatore, Odin Eidolon, lo scienziato pazzo Morgan Fairfax e molti altri. Il risultato è una goduria di citazioni per i lettori di lunga data, che forse pecca di eccessiva nostalgia e conservatorismo, oltre che un'avventura movimentata per i fruitori più occasionali. A tirare le fila abbiamo due veterani del fumetto pikappico, Francesco Artibani alla sceneggiatura e Lorenzo Pastrovicchio ai disegni, sempre una garanzia di qualità. L'edizione cartonata in grande formato Topolino Deluxe Edition regala un'esperienza visiva notevole grazie ai disegni di grandi dimensioni e agli extra a fine volume. Consigliato ai vecchi fan, ma forse soprattutto ai nuovi lettori, che possono godere dei pregi di Potere e potenza senza soffrire troppo dei suoi difetti.
Good
  • Il ritorno di PK
  • Scelte narrative mature
  • Disegni ed edizione Deluxe
Bad
  • Eccesso di nostalgia
  • Aspetti umoristici mal riusciti
8.4
Buono
Storia - 8
Disegni - 9
Edizione - 9
Sensazioni - 7.5

Il volume PK- Potere e potenza segna il grande ritorno della versione più matura e fantascientifica di Paperinik, il supereroe di Paperopoli sotto la cui maschera si trova Paperino.

Nell’estate del 2014, dopo un silenzio più che decennale, Disney Italia decise di rilanciare la figura di Pikappa tramite le pagine del settimanale Topolino. Nasce così la miniserie Potere e potenza, dove il papero mascherato è di nuovo alle prese con gli Evroniani, gli alieni viola succhiaemozioni, suoi antagonisti per eccellenza nella serie originale PK- Paperinik New Adventures, iniziata nel marzo 1996. Ritornano insieme a loro moltissimi altri personaggi e situazioni, con qualche elemento di novità, anche se le più sconvolgenti arriveranno nelle serie successive.

Da qui riparte l’epopea di PK attraverso varie serie successive, sempre passanti prima da Topolino e raccolte periodicamente in volumi cartonati, i Limited Deluxe Edition. Qui recensiamo proprio questo formato nella sua prima stampa, risalente al maggio 2015.

  • Titolo: PK – POTERE E POTENZA
  • Autori: Francesco Artibani (sceneggiatura), Lorenzo Pastrovicchio (disegni), Max Monteduro (colori)
  • Data di pubblicazione: maggio 2015, prima edizione
  • Edizione: Topolino Limited Deluxe Edition, cartonato, 180 pagine, colore
  • Prezzo:  17€  (acquista QUI la ristampa)

Sinossi

È passato del tempo. Ed è passata una notte. Al risveglio, Paperino capisce subito che c’è qualcosa di strano: non si trova nella sua stanza da letto, ma in una camera spoglia e senza finestre. Una cella. Ma le sorprese non sono finite… perché sulla porta della stanza in cui il papero è rinchiuso compare il Razziatore. “Sei sorpreso di vedermi?” domanda sorridendo il cronocriminale… Il papero è sconvolto e cerca di svegliarsi da quello che lui crede un brutto incubo. Ma il pericolo annunciato dal pirata temporale è più vero che mai: gli Evroniani sono tornati e minacciano l’intero universo. 

Il tempo è scaduto.  E’ giunta l’ora di tornare a vestire i panni di Pikappa.

Il Razziatore mette in guardia Paperino invitandolo a tornare come Pikappa

Cosa mi è piaciuto

Il grande ritorno

Il lancio della nuova era del supereroe giunge inatteso ma non appare forzato. Il nuovo ciclo si inaugura con la ripresa di alcuni filoni narrativi mai conclusi definitivamente della prima saga, dalla figura di Grrodon che fa rinascere l’impero di Evron ai segreti infiniti della Ducklair Tower.

Tutti gli elementi amati e noti ai fan ritornano in una nuova veste per un’altra avventura, la cui posta in gioco è la salvezza dell’intero universo, minacciato dalla rinata potenza evroniana. Occorre notare che i continui richiami al passato rendano la vicenda apprezzabile soprattutto dagli appassionati di vecchia data, ma di ciò discuteremo nello specifico più sotto. Nonostante ciò la trama è senza dubbio avvincente e godibile anche per un neofita, che trova comunque spunti interessanti.

Gli autori hanno imbastito una rinascita pikappica col botto, facendo una grande ammucchiata di personaggi e contesti delle storie originali.  Questo non vi scoraggi dalla lettura, poiché la grande abbondanza di giocatori sul campo non arriva mai a dare fastidio. Il lettore si muove in mezzo a una vicenda dai ritmi serrati, piena di alieni viola, predoni che viaggiano nel tempo, un futuro apocalittico in cui la Terra è stata strappata alla sua orbita (in modo simile a Coruscant nel New Jedi Order, saga letteraria di Star Wars, l’universo che fino a poco tempo fa era l’interesse primario del nostro sito),  sotterranei segreti pieni di armi. I vecchi lettori avranno capito i riferimenti, ma non vogliamo spoilerare a chi si voglia approcciare per la prima volta a PK. Potere e potenza imbastisce una vicenda di vasta portata usando tutti gli stilemi della fantascienza e del fumetto supereroistico.

 

Pikappa e il custode della Camera Omega

Scelte narrative coraggiose

Uno dei tratti meglio rappresentati e sviluppati è il rapporto tra Paperinik e l’intelligenza artificiale che gli fa da guida e consigliere (sostituendo UNO, lo storico amico e alleato artificiale del Nostro). Tra i due c’è subito conflitto, dato che il Custode considera il papero inadeguato al compito di combattere gli Evroniani. Pikappa ne viene deriso, criticato, incitato a combattere all’ultimo sangue con i nemici.

Attraverso la loro relazione si rivelano modalità narrative di un realismo inusitato per un fumetto Disney. Infatti, a più riprese Paperinik viene rimproverato per essere troppo “tenero”, invitato a disintegrare letteralmente gli alieni, persino a mettere in secondo piano la salvezza delle persone schiavizzate in Islanda per costruire l’immenso motore a gravitazione rispetto alla sconfitta di Grrodon. Il Custode ricorda che si tratta di una guerra, affermando categoricamente “é la tua vita o la loro!” Scelte che danno alla storia una componente drammatica e ancor più matura di quanto la saga di Pikappa aspirava a essere. Davvero difficile da aspettarsi e positivamente sorprendente. 

L’incontro tra Pikappa e la sua nemesi, l’imperatore Grrodon

I disegni

Anche su questo lato ritornano all’opera due veterani del fumetto di Pikappa,  il disegnatore Lorenzo Pastrovicchio e il colorista Max Monteduro. La sinergia dei due consegna un lavoro grafico davvero notevole, in linea con la saga e allo stesso tempo adeguatasi e “normalizzatasi” per il settimanale Topolino. Pastrovicchio (opera sua i disegni di storie disneyane del calibro di Darkenblot e, ancora in PK, delle vecchie storie Trauma, Lontano lontano, Nell’ombra)  dimostra il suo grande talento attraverso impostazioni delle tavole originali e irregolari nelle quali si dipanano i personaggi, la cui fisicità più volte pare sul punto di esplodere fuori dalla vignetta.  Dal canto suo Monteduro usa colori molto vivi,  nei toni caldi  come nei freddi, sacrificando però una certa dose della cupezza abituale nel fumetto pikappico.

Molto apprezzabile è per la cura dei dettagli degli ambienti, delle astronavi evroniane  e del sottosuolo ipertecnologico della Ducklair Tower (peraltro già raffigurato dal disegnatore nella storia di PKNA Manutenzione straordinaria). Forse l’aspetto meno convincente è la caratterizzazione emotiva dei volti dei personaggi. Tutto ciò che i fan di lunga data troveranno familiare, come tutto il nuovo è raffigurato in modo accattivante e adeguato al respiro epico della vicenda.

La collisione tra il motore a gravitazione e la stazione orbitale evroniana

Cosa non mi è piaciuto

Questa nuvoletta

Il buio sta per calare, papero. Sei pronto ad andare in pezzi sotto i colpi del nostro attacco mentale?      – Soldato evroniano potenziato del progetto Trauma

Ho parlato.

Nostalgia canaglia

Mettendo subito le cose in chiaro, non c’è nulla di nuovo. Nessun personaggio di rilevanza, e sottolineo nessuno, che non provenga da storie precedenti. Il caso del Custode della Camera Omega non conta, data la sua irrefutabile ispirazione a UNO. La ragion d’essere di Potere e potenza non è l’idea per un nuovo sviluppo che porterà Pikappa verso orizzonti inesplorati, ma la pura ricombinazione di cose già viste e sentite.

Essa avviene in modo efficace e tale da intrattenere, certo, ma si avverte che gli autori hanno inteso consegnare ai lettori qualcosa di “rassicurante”, per farli “sentire a casa“. Vi ricorda qualcosa? Le quattro puntate sono un farfallio di citazioni, riferimenti, riprese, personaggi che si ritrovano dicendosi a vicenda “ti trovo bene, quanto tempo è passato?”.

L’obiettivo viene raggiunto, chi scrive lo conferma come appassionato di PK da più di un decennio, eppure nel furore del ritorno del nostro eroe ci resta l’amaro in bocca vedendo gettati dentro al calderone tutti i filoni narrativi e i personaggi primari e secondari, condensando tutto ciò in Potere e potenza, che sotto questa luce può sembrare un mega trailer della saga nata 25 anni fa. Il che mette in ombra il protagonista stesso. Di nuovo, scelta comprensibile e in certa misura ben portata a termine. Siamo stati tuttavia ben ricompensati dalle miniserie successive della Paperinik New Era, con trame e spunti davvero originali e affascinanti, su tutti il filone del Raggio Nero.

Troppa ironia fuori luogo

Le battute e gli intermezzi comici prendono troppo spazio, diventando spesso insistiti soprattutto negli scambi tra il protagonista e il Custode, nelle situazioni meno opportune. Continui scherzi e battute vengono a rallentare e appesantire la narrazione.

Commento finale

PK- Potere e potenza segna la rinascita del personaggio di Paperinik in veste più matura ed evoluta, qui impegnato a salvare la Terra dall’invasione degli Evroniani. Questa miniserie rilancia il personaggio efficacemente, condendo la vicenda di richiami al passato, rimettendo in campo tutte le forze ancora presenti dalla saga originale, tra cui il Razziatore, Odin Eidolon, lo scienziato pazzo Morgan Fairfax e molti altri.

Il risultato è una goduria di citazioni per i lettori di lunga data, che forse pecca di eccessiva nostalgia e conservatorismo, oltre che un’avventura movimentata per i fruitori più occasionali. A tirare le fila abbiamo due veterani del fumetto pikappico, Francesco Artibani alla sceneggiatura e Lorenzo Pastrovicchio ai disegni, sempre una garanzia di qualità. L’edizione cartonata in grande formato Topolino Deluxe Edition regala un’esperienza visiva notevole grazie ai disegni di grandi dimensioni e agli extra a fine volume. Consigliato ai vecchi fan, ma forse soprattutto ai nuovi lettori, che possono godere dei pregi di Potere e potenza senza soffrire troppo dei suoi difetti.

E voi cosa ne pensate dell’avvio del nuovo corso di PK? Fatecelo sapere nei commenti! Vi ricordiamo che potete trovarci su Telegram con il nostro canale ufficiale: https://t.me/swlibricomics

Written by
Nato nel 1999, studio storia e filosofia all'università di Trieste. Sono un attore amatoriale e un lettore vorace, che spazia dai classici al romanzo storico, alla sociologia. Divenni un fervente appassionato di Star Wars all'età di quattro anni, quando vidi per la prima volta "La minaccia fantasma". Ho iniziato ad addentrarmi nei libri e fumetti dell'Universo Espanso nel 2012. Adesso collaboro con Star Wars Libri & Comics per poter condividere il mio amore per la saga e aiutare altri fan ad apprezzare appieno il fascino di questa galassia

Dicci la tua!

1 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.