[Recensione] Infinità vol. 2 – Un Altro Ritorno dello Jedi

Summary
Cosa sarebbe successo se il detonatore termico usato da Leila per minacciare Jabba the Hutt nel suo palazzo fosse esploso? Da questa premessa inizia Star Wars Infinità: Il ritorno dello Jedi, un what if davvero valido nella sua narrazione e nella definizione dei personaggi, che si perde solo in alcuni disegni. Nel volume edito da Panini Comics nella solita collana 100% sono presenti anche le simpaticissime storie di Tag & Bink, che faranno rotolare dal ridere tutti i fan, nonostante un po' di confusione nella parte centrale.
Good
  • La storia di "Infinità"
  • L'ironia di Tag & Bink
Bad
  • I disegni delle astronavi di "Infinità"
  • Un po' confusa Tag & Bink
7.9
Discreto
Storia - 8.5
Disegni - 7.5
Edizione - 7.5
Sensazioni - 8

Dopo aver esplorato un primo volume di what if della Galassia di Star Wars, qualche settimana fa è stato pubblicato in formato 100% Panini Comics Star Wars: Infinità 2 – Un Altro Ritorno dello Jedi, già edito come volume 11 della collana Star Wars Legends de La Gazzetta dello Sport. Come il volume precedente, anche Un Altro Ritorno dello Jedi ci propone un what if della trilogia classica, quello di Episodio VI, ma soprattutto propone le esilaranti storie di Tag e Bink, cioè Tag e Bink sono morti (2001), Tag e Bink vivono (2001), Il ritorno di Tag e Bink; edizione speciale (2006) e Tag e Bink – Episodio I: La vendetta della minaccia clone (2006).

 

  • infinità un altro ritorno dello jediData di uscita: 18/11/2021 (edito nella collana Gazzetta il 6/01/2016)
  • Autori: Adam Gallardo, Ryan Benjamin, Dan Norton, Juvaun Kirby (Infinities: Return of the Jedi); Kevin Rubio, Lucas Marangon (Tag e Bink)
  • Edito da: Panini Comics
  • Edizione: 192 pagine, colore
  • Contiene: Star Wars: Infinities – Return of the Jedi (2003) #1/4, Tag & Bink Are Dead (2001) #1/2, Tag & Bink II (2006) #1/2
  • Prezzo: 18.00 EUR

Star Wars Infinità vader biancoInfinità vol. 2 – Trama

Cosa sarebbe successo se il detonatore termico usato da Leila per minacciare Jabba the Hutt nel suo palazzo fosse esploso? Da questa premessa inizia Star Wars Infinità: Il ritorno dello Jedi, una versione alternativa del film del 1983 in cui i nostri eroi vanno inizialmente alla ricerca Boba Fett che, riuscitosi a salvare dall’esplosione, vuole consegnare il corpo di Ian Solo nella carbonite all’Impero, così da poter tendere una trappola a Luke, Leila e Ciube.

Luke invece, di ritorno da Dagobah dove ha appreso la verità su sua sorella, viene catturato da suo padre Dart Fener e dall’Imperatore. Durante il folle attacco alla seconda Morte Nera attorno a Endor Leila, che ha scoperto la verità sui suoi genitori, si reca a bordo della stazione spaziale e contribuisce alla conversione di Fener. L’Imperatore riesce a scappare poco prima che la Morte Nera esploda sotto i colpi dei caccia ribelli, Fener invece viene portato in salvo sul Millenium Falcon, e cambiatosi delle sue oscure vesti, è pronto a diventare una risorsa preziosa per la definitiva sconfitta dell’Impero.

Tag e Bink, invece, è un ottimo esempio di comicità all’interno del panorama a fumetti di Star Wars: è la storia di due soldati ribelli che asssitono alla cattura della principessa Leila sulla Tantive IV, questi due amici e soldati sono due signori nessuno che si ritrovano, attraverso le vicende della saga, invischiati in tutti gli avvenimenti della trilogia originale, dando un senso a certi passaggi del film in chiave autoironica e semplicemente spassosa. Nell’ultima storia si scoprono invece le origini dei due, che risalgono addirittura alla trilogia prequel! Insomma una serie di gag una dietro l’altra che supportano comunque una storia solida e ironica, il tutto nella cornice dell’esalogia.

Star Wars infinità 2 tag e bink

Cosa mi è piaciuto?

La storia di Star Wars Infinità – Il ritorno dello Jedi

L’ho trovata davvero molto valida, ben scritta anche se molto impostata sugli stessi binari del film ma con notevoli differenze e ruoli forse anche meglio definiti (Boba Fett ad esempio, o anche la scelta di lasciare Han cieco).

L’ironia di Tag e Bink

Sicuramente una storia che tutti i fan dovrebbero leggere per la sua autoironia nel cambiare significato agli avvenimenti più importanti della saga (e soprattutto dei prequel).

Cosa non mi è piaciuto?

I disegni delle astronavi in Star Wars Infinità – Il ritorno dello Jedi

Lo stile è nettamente troppo diverso dal resto, troppo computerizzato e un po’ freddo, lo stacco è troppo netto e non mi è piaciuta molto questa cosa.

Un po’ di confusione in Tag e Bink

L’unico difetto della serie comica è forse quello di essere un po’ confusa nella sua parte centrale per via di troppe citazioni, personaggi, storie narrate che si intrecciano. Nel complesso si capisce ma bisogna un attimo fare mente locale secondo me.

Rilegatura

Forse è solo il mio volume ma la copertina non era incollata molto bene purtroppo.

Infinità vol. 2 – Conclusione

Cosa sarebbe successo se il detonatore termico usato da Leila per minacciare Jabba the Hutt nel suo palazzo fosse esploso? Da questa premessa inizia Star Wars Infinità: Il ritorno dello Jedi, un what if davvero valido nella sua narrazione e nella definizione dei personaggi, che si perde solo in alcuni disegni. Nel volume edito da Panini Comics nella solita collana 100%sono presenti anche le simpaticissime storie di Tag & Bink, che faranno rotolare dal ridere tutti i fan, nonostante un po’ di confusione nella parte centrale.

Written by
Laureato in Bionics Engineering alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, lavoro nella progettazione di dispositivi medicali. Fan di Star Wars da quando ero piccolo, all'età di circa 11 anni scopro i fumetti di Star Wars. Dal febbraio 2015 ho lanciato Star Wars Libri & Comics, un progetto nato per condividere la mia passione per "il Lato Cartaceo della Forza" e che, nel corso degli anni, è diventato il punto di riferimento italiano per i lettori di Star Wars.

Dicci la tua!

0 0

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>