[Recensione] Le Guerre dei Cloni

Summary
Questi tre Omnibus sono un must have per ogni persona che ama Star Wars, storia avvincente, ottimi disegni e splendidi protagonisti dei vari archi narrativi, si può chiedere veramente poco di più da una serie a fumetti di questo calibro.
Good
  • Attenzione ai dettagli
  • Quinlan Vos, il vero protagonista
  • Antagonisti carismatici
Bad
  • Qualità dei disegni non costante
8.8
Buono
Storia - 9
Disegni - 8.5
Edizione - 8.5
Sensazioni - 9

  • Titolo: Star Wars – Le guerre dei cloni
  • Data di uscita: dal 2006
  • Autori: John Ostrander e Jan Duursema e Dan Parsons
  • Edito da: Panini Comics
  • Edizioni: 100% Panini Comics, Omnibus, collana Star Wars Legends Gazzetta.
  • Prezzo: €49.90

Sinossi

La storia è ambientata tra Episodio 2 ed Episodio 3, con la battaglia di Geonosis sono iniziate le guerre dei cloni,  i Separatista e  la Repubblica si sfidano in campo aperto con i loro eserciti, che vedono contrapposte file interminabili di droidi da battaglia contro eserciti di cloni guidati dai loro comandanti Jedi.

Entrambi gli schieramenti vogliono guadagnare un vantaggio sui loro avversari, i Jedi cercano di ottenere delle informazioni sulle prossime mosse dei Separatisti tramite lo Jedi Quinlan Vos e la sua rete di spie, mentre i Separatisti cercano di Sferrare un attacco decisivo verso gli impianti di clonazione di Kamino per impedire nuovi battaglioni per l’esercito della Repubblica.

Questa è l’inizio della storia che ci accompagnerà fino all’ordine 66.

Cosa mi è piaciuto?

Merita innanzitutto di essere apprezzata la cura e l’attenzione ai dettagli della storia e dei disegni, ad esempio si può notare il punto preciso in cui i cloni cambiano e dalla prima passiamo alla seconda fase, con un notevole cambio estetico nell’armatura e vedere dettagli del genere fa sempre un piacere immenso.

I disegni sono per lo più eccellenti e rendono la lettura gradevole, anche se il vero punto di forza è la trama, che ci permette di esplorare a fondo le vicende della guerra dei cloni e regalano archi narrativi veramente memorabili, fra i tanti quello della guerra di Jabiim è uno degli archi più belli che troverete in un’opera di Star Wars e vi permetterà di assaporare la crudezza della guerra.

Il vero protagonista della serie è Quinlan Vos, un personaggio ben caratterizzato che imparerete presto ad amare, ma non mancheranno archi narrativi che avranno come protagonisti personaggi ben noti come Anakin e Obi Wan Kenobi, e anche storie che avranno come protagonisti Jedi meno esplorati come Mace Windu, Joda e Aayla Secura.

Anche gli antagonisti della serie sono molto carismatici, oltre ai classici Conte Dooku e Generale Grievous, troveremo anche antagonisti nuovi come Asaji Ventres, Aurra Sing e Durge; verranno tutti esplorati nel corso degli archi narrativi e risulteranno essere personaggi molto interessanti che riescono a calcare bene la scena.

Una delle cose che mi è piaciuta di più è stato esplorare il rapporto fra i Padawan jedi, in particolare i loro affetti, cosa che permette bene di spiegare perché il consiglio Jedi non ha impedito il rapporto di Anakin e Padme.

Altro punto di forza è il dubbio che si insinua in molti Jedi che la Repubblica abbia perso la retta via e che forse i Separatisti stanno combattendo dalla parte giusta della guerra, questa costante insinuazione esalta magnificamente le macchinazioni di Palpatine, artefice del destino della Galassia.

Cosa non mi è piaciuto?

La qualità dei disegni nell’arco del Generale Grievous cala drasticamente, ed è un vero peccato perché quell’arco narrativo in particolare meritava, ma quei disegni non gli rendono giustizia e sono una distrazione da quella trama che sarebbe stata altrimenti cruda.

Avrei preferito qualche storia su Anakin e Obi Wan più sostanziosa, che magari approfondisse il loro rapporto, ma purtroppo quel tema viene toccato solo superficialmente, però almeno le storie che li coinvolgono sono belle e ben strutturate

Conclusioni

Questi tre Omnibus de Le Guerre dei Cloni sono un must have per ogni persona che ama Star Wars, storia avvincente, ottimi disegni e splendidi protagonisti dei vari archi narrativi, si può chiedere veramente poco di più da una serie a fumetti di questo calibro.

Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra opinione con un bel commento e dando il vostro voto nel box sottostante!

Sono uno studente di giurisprudenza di Tor vergata e fan di Star Wars da sempre. Ho iniziato da un anno circa ad avventurarmi nella galassia cartacea di Star Wars e senza l’aiuto di Giorgio avrei avuto notevoli problemi ad orientarmi. Ora è giunto il momento di contraccambiare il favore e spero di aiutare voi lettori ad esplorare questa galassia lontana lontana che racchiude moltissime opere stupende e momenti epici.

Dicci la tua!

1 0

4 Comments

  1. che differenze ci sono tra il fumetto e la serie tv? sono le stesse storie riproposte in fumetto?

    Reply
    • Ciao Giuseppe no, ci sono tantissime differenze. Innanzitutto questi fumetti non sono canonici ma Legends, ci sono personaggi che nella serie animata non compaiono e viceversa. Alcuni elementi sono stati ripresi dai fumetti alla serie TV ma al momento la versione canonica delle Guerre dei Cloni è la serie in CGI The Clone Wars!

      Reply
  2. Come mai non sono canonici questi fumetti? Vanno in contrasto in qualche modo con quanto fatto in The Clone Wars?

    Reply
    • Esatto, sono stato realizzati prima di TCW e quindi vengono in parte riscritti. Dal momento che TCW è stata realizzata sotto diretta supervisione di Lucas, quella è la versione canonica delle guerre dei cloni.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

RSS
Iscriviti via Email