Come i Jedi percepiscono la Forza

Leggendo i nuovi libri de L’Alta Repubblica entriamo in contatto con tanti nuovi Jedi (INFOGRAFICA: Tutti i Jedi dell’Alta Repubblica). Proseguendo la lettura si può però notare come ognuno di loro abbia una caratteristica particolare: percepiscono tutti la Forza in un modo peculiare ed unico. In questo approfondimento andremo quindi ad analizzare nuovi (e vecchi) personaggi e le loro diverse percezioni e abilità della Forza!

Prima di iniziare occorre specificare che questo approfondimento contiene spoiler e sarebbe opportuno aver già letto: La Luce dei Jedi, Una Prova di Coraggio e il primo numero della serie a fumetti L’Alta Repubblica prima di addentrarsi nella lettura.

“L’idea è che la Forza sia molto piccola e personale, ma che sia anche immensa e abbracci ogni cosa, ci è sembrato naturale che i Jedi che incontriamo abbiano tutti un proprio modo di comprenderla e interagire con essa”

– Charles Soule

Avar Kriss

Abbiamo conosciuto Avar ne La Luce dei Jedi e nella serie a fumetti, fin da subito è evidente l’importanza di questa Jedi: da eroina di Hetzal fino a Sceriffo del Faro Starlight si è distinta per le sue abilità nel coordinare le forze Jedi. Avar percepisce la forza come una grande sinfonia ed è in grado di percepire le “melodie” di tutti gli esseri viventi; ha inoltre la capacità di connettere tra loro un grande numero di persone, dando origine a veri e propri network di Jedi che collaborano all’unisono. 

Questa sua capacità è estremamente simile ad un’abilità già presente nell’universo (Legends) di Star Wars: la Meditazione da Battaglia. Tramite questa abilità l’utilizzatore era in grado di coordinare interi eserciti alimentando il morale dei propri soldati, riducendo allo stesso tempo il morale e l’efficacia degli avversari. Tra i più celebri utilizzatori della Meditazione da Battaglia possiamo trovare: Nomi Sunrider e Odan-Urr (Cronache degli Jedi; Odan-Urr è stato inoltre ricanonizzato in The Rise of Skywalker – The Visual Dictionary), Bastila Shan (Knights of the Old Republic) e  Joruus C’baoth (Trilogia di Thrawn).

Burryaga Agaburry

Burryaga è un giovane Padawan Wookie, tra i protagonisti de La Luce dei Jedi, The Great Jedi Rescue e Showdown at the Fair. Ha la caratteristica di essere considerato un “gigante buono“, data la sua stazza imponente può apparire infatti minaccioso, ma è forse il più empatico tra i Jedi.  Burryaga percepisce la forza come un grande albero, le cui foglie sono tutti gli esseri viventi della galassia, tra cui se stesso.

Elzar Mann

Elzar è anch’egli tra i protagonisti de La Luce dei Jedi, viene fin da subito descritto come un cavaliere Jedi non ortodosso. Ama sperimentare nuovi usi della Forza, spesso malvisti dai suoi compagni, come il trucco mentale, al punto da essergli ancora negato il rango di Maestro. Elzar percepisce la Forza come un oceano inesauribile e senza fondo, al quale attingere per ogni necessità. 

Loden Greatstorm e Bell Zettifar

Loden Greatstorm è un leggendario Maestro Jedi, considerato tra i migliori insegnanti dell’ordine. Il suo metodo di insegnamento consiste nell’insegnamento sul campo, ovvero lasciar svolgere al suo apprendista, Bell Zettifar, il maggior numero di compiti possibile, verificando e migliorando le sue abilità con la pratica.

Bell vede la forza come una luce fiammeggiante, può essere minuscola come una fiammella o grande come un inferno di fuoco, a seconda della sua concentrazione. Loden invece vede la forza come una folata di vento, potente o leggera, a seconda delle necessità.

Douglas Sunvale

Saggio Maestro e Sceriffo dell’avamposto Jedi di Port Haileap, conosciamo Douglas in Una Prova di Coraggio, sebbene venga citato anche ne La Luce dei Jedi mentre presta soccorso ai cittadini di Hetzal. Secondo la sua percezione la Forza è un enorme sistema di ingranaggi interconnessi, ognuno di materiale diverso e con proprie peculiarità.

Vernestra Rwoh

Giovane Cavaliere Jedi, protagonista di Una Prova di Coraggio, è stata la prima dopo generazioni a passare le prove alla sua età. Vernestra è quindi una dei Jedi più promettenti della sua epoca, dotata di una spada laser unica nel suo genere e di un Padawan da addestrare: Imri Cantaros. Vede sé stessa come un piccolo torrente, che va ad unirsi in fiumi maggiori, fino a sfociare in un grande mare: la Forza.

Lula Talisola

Tra i protagonisti de L’Alta Repubblica – Avventure insieme ai suoi amici Farzala e Qort, è una giovane Padawan sempre alla ricerca di nuove sfide. La sua percezione della Forza è di un’alta vetta montana, da raggiungere continuando a migliorarsi ed evolversi. Ha come ispirazione la  Maestra Jedi Avar Kriss.

Keeve Trennis

Cavaliere Jedi neopromossa, protagonista della serie a fumetti, ha un animo nobile ed è sempre pronta a sacrificare i propri obiettivi per aiutare il prossimo. Keeve vede la Forza come un’enorme opera d’arte, caratterizzata da varie forme e colori, che si diffondono per tutta la galassia. Tuttavia, diversamente dai suoi compagni Jedi, non ha ancora trovato il suo posto in questa galassia.

Reath Silas

Protagonista di Nell’Oscurità ed ex-Padawan della Maestra Jedi Jora Malli, membro dell’Alto Consiglio Jedi, trascorreva il suo tempo studiando nelle sale del Tempio Jedi di Coruscant fino a quando, a causa del Grande Disastro, si ritroverà catapultato nell’Orlo Esterno. Reath vede la Forza come una ragnatela, sotto un certo aspetto estremamente resistente, sotto un altro delicata e difficile da notare, se non tramite studio e concentrazione.

Apprendisti di Luke Skywalker

Diversamente da quanto si possa pensare, le opere dell’Alta Repubblica non sono le prime a mostrare diverse percezioni della Forza. Ne L’Ascesa di Kylo Ren, fumetto che risalta per il vasto numero di connessioni con L’Alta Repubblica (L’Alta Repubblica: tutti i collegamenti al canone), troviamo infatti diversi Jedi con diverse interpretazioni della Forza.

“Il fatto che noi (autori) tutti siamo stati in grado di dare origine a così tante metafore esprime quanto potente l’idea della Forza sia”

– Charles Soule

Hennix

Apprendista Quarren di Luke Skywalker dalla grande intelligenza ma dalle scarse abilità in combattimento. Vede la Forza come un puzzle da risolvere, pur essendo conscio di non esserne in grado è ben contento di provarci.

Voe

Tra i migliori apprendisti di Luke Skywalker ed inferiore esclusivamente a Ben Solo. Percepisce la Forza come una sfida: questa sua visione non è però costruttiva come quella di Lula Talisola, poiché trae le sue origini dall’invidia provata nei confronti di Ben, migliore di lei in tutte le tecniche Jedi. 

Tai

Il più criptico tra gli apprendisti di Luke Skywalker e dalle notevoli abilità telepatiche. Non abbiamo un’idea precisa della sua percezione della Forza, sappiamo però che grazie alle sue abilità è in grado di avvertire esseri viventi a grandi distanze e di connettersi con le loro menti, percependole come scatole da aprire.

Ma ora tocca a voi: vi è piaciuto questo approfondimento? Cosa ne pensate di queste aggiunte? Credete che ci sia sfuggito qualcosa o, viceversa, c’è qualcosa che non vi torna? Fatecelo sapere nei commenti e condividete questo articolo con i vostri amici! Vi ricordiamo che potete trovarci anche su Telegram con il nostro canale ufficiale e la chat e che, inoltre, è ora attivo il nostro store con il merchandising ufficiale Libri e Comics.  

Dicci la tua!

2 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>